Vivoli: “Il Distretto Lapideo di Carrara…”

IL PERCHÉ DELLO STUDIO – Il presente lavoro è lo studio di un caso di applicazione del marketing territoriale ad un comprensorio vasto e dalle dinamiche complesse come lo è il Distretto lapideo di Carrara; allo stesso tempo, la ricerca ambisce ad avviare una riflessione di più ampio respiro sul ruolo del modello organizzativo del distretto industriale nell’economia globalizzata e sul futuro delle produzioni di qualità del Made in Italy, di cui i marmi apuoversiliesi sono certamente un illustre esempio.

IL PROBLEMA – Il Distretto lapideo di Carrara ha ottenuto dalla Regione Toscana il riconoscimento formale di distretto industriale con l’emanazione della delibera consiliare 69/2000, ai sensi delle leggi nazionali 317/1991 e 140/1999. Il distretto copre un territorio di 650 kmq, abitato da quasi 200.000 persone, a cavallo tra le province di Massa-Carrara e di Lucca. L’area si caratterizza per una forte specializzazione produttiva nel settore lapideo (dove è impiegato oltre il 10% della popolazione attiva); infatti, vi è localizzata la filiera di estrazione, trasformazione e lavorazione della pietra naturale –specialmente marmi bianchi più antica del nostro paese e tra le più note al mondo, a cui si affiancano i comparti collaterali dei macchinari e degli utensili per l’industria lapidea (di cui il Distretto di Carrara detiene la leadership di mercato a livello internazionale) e quelli connessi dei servizi dedicati. A partire dal 2000 le piccole e medie imprese del distretto (nel 2005 ne sono state censite ben 2876) hanno fatto registrare i segni di una pericolosa crisi di competitività, dopo un ventennio di prosperità e di primato nell’industria mondiale; la crescita di nuovi e agguerriti concorrenti italiani e stranieri, da un lato, insieme all’incapacità del comprensorio di risolvere alcuni dei problemi infrastrutturali che limitano lo sviluppo delle aziende e alla mancata volontà di queste ultime di collaborare e fare sistema, dall’altro, hanno aggravato la recessione in atto.

Oggi il Distretto lapideo di Carrara gode di un’ottima immagine presso i pubblici nazionali e internazionali, grazie alla qualità delle materie prime e all’eccellenza della lavorazione dei suoi prodotti; tuttavia le performance economiche realizzate dalle aziende locali sono assai più modeste rispetto al passato. La comunità del comprensorio sembra pagare i costi più alti di questa situazione negativa, in termini sia di perdita di posti di lavoro sia di inquinamento legato al processo produttivo; animata da «un sentimento da amante tradito», la popolazione apuo-versiliese, che pure si identifica nella cultura della pietra, contesta l’attività degli imprenditori lapidei e accusa le istituzioni di sudditanza nei confronti di «pochi signori delmarmo i quali si arricchiscono a spese della comunità sfruttando il bene collettivo del territorio».
IL METODO – Lo studio intende analizzare la condizione attuale del Distretto lapideo di Carrara e delineare linee di intervento strategico per la promozione del territorio attraverso l’integrazione delle risorse locali e la ricomposizione del capitale sociale. Gli strumenti concettuali e le tecniche del marketing territoriale sono riletti alla luce delle scienze della comunicazione e anche il modello del distretto industriale viene reinterpretato enfatizzandone gli aspetti legati alla relazione comunicativa tra gli agenti; i riferimenti fondamentali che il lavoro adotta sono le teorie dello stakeholder management e la modellizzazione del mercato come circuito comunicativo in cui si scambiano testi, cioè porzioni di senso, nella forma di prodotti e discorsi. L’analisi della congiuntura del Distretto lapideo di Carrara è stata condotta attraverso una fase desk di lettura delle pubblicazioni e degli atti curati dalle istituzioni e da altri soggetti del comprensorio, a cui si è poi affiancata una fase field di realizzazione di interviste semistrutturate a osservatori privilegiati del territorio. La descrizione delle proposte di intervento e di suggerimenti per la promozione della filiera lapidea del distretto e, quindi, di tutta l’area, è stata seguita da una nuova tranche di colloqui con gli interlocutori qualificati per vagliare la bontà della ipotesi avanzate e per raccogliere pareri e reazioni degli attori territoriali coinvolti. LA SOLUZIONE PROPOSTA – Perché le imprese del lapideo apuo-versiliese recuperino competitività sul mercato internazionale e affinché l’economia del comprensorio raggiunga un più alto grado di integrazione, si delinea un bouquet di quattro strategie complementari e correlate. Le aree di intervento su cui focalizzare gli sforzi di marketing territoriale a favore del Distretto lapideo di Carrara sono: l’individuazione di un soggetto coordinatore della realtà distrettuale, la gestione del capitale di conoscenza accumulato nell’area, i rapporti tra la filiera lapidea e la comunità dei residenti, la valorizzazione turistica dei luoghi dell’industria lapidea.

Ogni strategia articola dei sotto-obiettivi da conseguire tramite una serie di azioni affidate agli attori territoriali. Molti degli interventi proposti perseguono il fine di armonizzare i rapporti intradistrettuali, con particolare riferimento all’incentivazione della cooperazione tra gli imprenditori lapidei e tra questi e le istituzioni locali e alla ricomposizione dei conflitti tra la popolazione del comprensorio e gli addetti dell’industria della pietra; infatti, si ritiene prioritaria la definizione di un’identità territoriale coerente e compartecipata da tutti gli agenti del comprensorio per riuscire poi a promuovere questa stessa immagine territoriale presso gli stakeholder esterni. La valorizzazione in chiave turistica dei luoghi della filiera lapidea è giudicata la più promettente delle linee di intervento avanzate e le competenze dell’esperto di marketing si rivelano indispensabili per trasformare i centri produttivi dell’industria della pietra da semplici sedi di lavoro a mete turistiche emblema dell’identità e dell’esperienza del territorio; tra le azioni delineate per l’integrazione tra l’industria lapidea e il settore turistico, un ruolo di primo piano è destinato al riposizionamento e alla promozione del Museo Civico del Marmo di Carrara, per il quale si suggerisce un parziale riallestimento e un’attività di comunicazione, dettagliati in un piano di marketing incluso nel presente lavoro.

2 Responses to Vivoli: “Il Distretto Lapideo di Carrara…”

  1. carlo montani ha detto:

    Il problema maggiore è quello della concorrenza internazionale; tuttavia, alcuni consuntivi del comprensorio apuo-versiliese sono inferiori a quelli nazionali, pur compromessi dalla congiuntura. Esistono, insomma, anche problemi locali.
    Le soluzioni non sono facili. Certamente, urgono la condivisione degli obiettivi strategici, e quindi, un coordinamento organico e funzionale, assieme ad una programmazione supportata da adeguate disponibilità finanziarie e professionali.
    Le correlazioni turistiche possono essere un corollario utile, ma verosimilmente, non determinante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: